sabato 26 dicembre 2015

Frittata di zucca arrotolata con spinaci e ricotta

Per una cenetta leggera dopo un bel pranzo all'insegna delle feste, ecco un'appetitosa frittata con la zucca rossa, arrotolata e ripiena di spinaci e caprino. Per 6 persone.

     vai al sito
  • 1 kg zucca rossa;
  • un pizzico di peperoncino secco frantumato;
  • 2 spicchi d'aglio;
  • 60 g di mandorle pelate;
  • 1 cucchiaino di semi di finocchio;
  • 6 uova grandi;
  • 80 gr di parmigiano grattugiato;
  • 60 gr farina di senza glutine;
  • 1 noce moscata intera, da grattugiare;
  • 300 gr spinaci freschi;
  • 100 gr di formaggio di capra friabile;
  • 150 gr di ricotta fresca;
  • 1 limone bio;
  • 1 peperoncino rosso fresco;
  • olio d'oliva evo,
  • sale marino e pepe nero appena macinato;

Preriscaldare il forno a 190°. Foderare una teglia bassa (circa 22 centimetri x 32 centimetri) con carta da forno. Tagliare la zucca in pezzi di circa 3 cm senza togliere la buccia, eliminare i semi e mettere in una grande teglia con una spruzzata di olio d'oliva, i fiocchi di peperoncino, l'aglio schiacciato e un pizzico di sale e pepe quindi in forno caldo per 45/50 minuti o finché sono teneri. Nel frattempo tostare in una padella a fuoco medio le mandorle i semi di finocchio e un pizzico di sale per 3 o 4 minuti, poi versare in un mortaio e pestare il tutto. Versare la zucca già cotta in un robot da cucina, scartando la buccia, insieme agli spicchi d'aglio privati anch'essi della buccia e tritare fino ad ottenere una purea liscia. Separare i tuorli dagli albumi in due grandi ciotole. Grattugiare il parmigiano sopra i tuorli, poi aggiungete la purea di zucca, farina, una buona grattugiata di noce moscata e un pizzico di sale e pepe. Montate gli albumi a neve morbida in una ciotola a parte poi aggiungere ai tuorli mescolando accuratamente  Trasferire in una teglia foderata con carta forno distribuendola in modo uniforme e infornare a 180° per 14/15 minuti. Intanto scaldare un filo d'olio d'oliva in una padella a fuoco medio, quindi aggiungere gli spinaci e cuocere per circa 2 minuti fino a fare appassire. Lasciar raffreddare, far uscire l'umidità in eccesso, quindi tritate finemente. Rovesciare la teglia con la frittata su un grande foglio di carta da forno. Con attenzione staccare e gettare lo strato di carta da forno usato in cottura. Sbriciolate il formaggio di capra in una ciotola, aggiungere la ricotta, la scorza di limone e il succo. Tritate finemente e aggiungere il peperoncino, mescolare bene e condite a piacere. Distribuire il composto sulla frittata, lasciando uno spazio grezzo di circa 2 cm lungo uno dei bordi lunghi. Spargere sopra gli spinaci e un terzo delle mandorle. Partendo dal bordo più lungo senza ripieno, con dovuta cautela cominciare ad arrotolare, utilizzando la carta da forno per aiutarvi. Spargere sopra il resto delle mandorle rimanenti, poi ritagliare delle fette spesse e servire subito con una fresca insalata verde.

sabato 19 dicembre 2015

Carpaccio vegano al profumo di aneto

Si tratta di un piatto vegan da presentare come antipasto e si può anche fare il giorno prima. E 'delizioso servito con fette di pane di segale.
 vai al sito

  • 8 barbabietole medie, meglio se di colori diversi;
  • 2 limoni bio;
  • un mazzetto di aneto fresco, tritato finemente;
  • 1 cipolla rossa tritata finemente;
  • 2 cucchiaini di zucchero semolato;
  • 2 cucchiai di olio d'oliva;
  • 1 cucchiaio di capperi in salamoia, scolati e sciacquati;
  • sale marino e pepe nero appena macinato;

Iniziate tagliando le foglie della barbabietola, lasciando circa 2,5 cm di gambo su ciascuno di essi. Mettere in una grande casseruola e coprire con acqua. Portare ad ebollizione, ridurre il calore e lasciate cuocere a fuoco lento, parzialmente coperto, per 40 minuti. Scolare e mettere da parte. Finemente grattugiare la scorza di uno dei limoni e spremere il succo da entrambi, passandolo attraverso un setaccio fine, quindi versare nella brocca del mixer con l'aneto, la cipolla, lo zucchero, l'olio di oliva, i capperi e 1 cucchiaino di sale. Frullare con il frullatore tutti gli ingredienti insieme fino a quando sono bene amalgamati. Passare le barbabietole sotto l'acqua fredda e far scorrere delicatamente le bucce (dovrebbero staccarsi facilmente). Tagliare le cime e fondi dalle barbabietole e scartare. Quindi, utilizzando una mandolina o un coltello affilato, tagliare le barbabietole a rondelle molto sottili. Disporre le fette di barbabietole su un piatto da portata e cospargere con 1 cucchiaio il condimento all'aneto e capperi appena preparato, lasciandolo affondare in ogni fessura delle barbabietole. Coprire con pellicola trasparente e lasciare raffreddare in frigorifero per almeno 2 ore prima di servire.
Pippa Kendrick

mercoledì 16 dicembre 2015

Cavolfiore e cavolini al forno

Un contorno gustoso, dai sentori meridionali data la presenza dell' uva passa e dello zafferano, assolutamente genuino e unico. Per 4 persone.
 vai al sito
  • 1 grosso cavolfiore;
  • 300 gr Cavoletti di Bruxelles;
  • 50 gr di uvetta;
  • 50 gr di pinoli;
  • un pizzico di fili di zafferano;
  • 2 cucchiai di olio d'oliva;
  • 2 cucchiai di olio all'aglio;
  • sale marino e pepe nero appena macinato;

Preriscaldare il forno a 200°. Tostare i pinoli in un padellino fino a doratura e mettere da parte a raffreddare. Tagliare le foglie esterne e la base del cavolfiore poi tagliare a cimette. Tagliare le estremità dei cavolini di Bruxelles e dividere a metà, mantenendo in possesso le foglie staccate. Ammollare l'uvetta in acqua bollente, lasciandola per circa 20 minuti, poi scolare e mettere da parte. Mettere le cimette di cavolfiore e i cavolini in una grande teglia, cospargere con i fili di zafferano poi versare gli oli d'oliva e d'aglio. Condire con sale e mescolare delicatamente insieme. Infornare per 25/30 minuti, fino a quando le cimette e germogli sono teneri e iniziano a caramellare.
Potreste notare che le foglie staccate dei cavolini inizieranno a diventare un po' troppo croccanti non allarmatevi, aggiungono un bell'elemento fumoso al sapore generale. Trasferire il cavolfiore arrosto e i germogli di un piatto da portata; aggiungere i pinoli e l'uva passa ammollata, condire a piacere con un filo d'olio poi dare ancora una mescolata  per assicurarsi che tutto è ricoperto d'olio allo zafferano del fondo di cottura e poi servire con una spolverata di pepe nero appena macinato.

martedì 15 dicembre 2015

Rose di pasta fresca alla zucca e spinaci

Oggi prepareremo un piatto tipico della cucina italiana: le rose di pasta fresca ma con un ripieno di magro talmente gustoso che dimenticherete quelli alla carne. Cucinate la zucca  in forno tutta intera se è piccola( basta kg: 1,2 circa) approfittando della cottura di un'altra pietanza e il giorno successivo preparate questo piatto per 4 persone.


kg: 1,2 circa di zucca cotta al forno,
gr: 450 di spinaci surgelati,
1 cipolla rossa e 4 spicchi d'aglio,
1 peperoncino,
gr: 100 di formaggio feta,
1 cucchiaino di noce moscata,
6 fogli di pasta fresca tipo per lasagna,
1 passata da ml: 700,
gr: 50 parmigiano grattugiato,
una decina di foglie di salvia,
olio d'oliva, sale e pepe q.b.

Tritare la cipolla e versare in una padella con 2 cucchiai
di olio d'oliva e quando comincia a rosolare mettere
pure gli spinaci che rosolando si scongeleranno e
prenderanno sapore, salare, pepare e mettere la
noce moscata, sempre mescolando cuocere per 15 minuti.
In un'altra padella che poi andrà direttamente in forno, con 2 cucchiai d'olio rosolare l'aglio e un peperoncino affettato, unire la passata e allungare con un po'd'acqua, salare e pepare e cuocere per 10 minuti.
Pulire la zucca togliendo i semi interni e la buccia e schiacciare la polpa con una forchetta, condire solo di sale e pepe.Passare i fogli di pasta fresca per 20 secondi in acqua per
ammorbidirli prima di arrotolare per formare i cannelloni, quindi
spalmare sulla superficie di tutti e 6 i fogli: prima la zucca, poi gli
spinaci, poi sbriciolare la feta o se volete, potete usare la ricotta,
e una grattugiata di parmigiano. Arrotolate bene e tagliare ogni rotolo
in 4 pezzi, sistemandoli ad uno ad uno dentro la padella con il sugo di pomodoro, in posizione verticale in modo che sia visibile l'interno dei rotolini, mettere ancora parmigiano grattugiato su tutti i rotolini sistemati nella padella e spargere le foglie di salvia. Infornare a 180° per 40 minuti. Accompagnare il piatto con una abbondante insalata fresca, i semi e la buccia della zucca sparsi sull'insalata.

sabato 12 dicembre 2015

Curry vegan e pane parathas

I curry veg si possono trovare in tutta l'India. Sentitevi liberi di aggiungere o sostituire con altre verdure quelle già elencate, come i piselli, broccoli e spinaci a vostro gusto e divertimento.

     vai al sito
  • 1 kg di patate maris piper , o qualsiasi altro tipo di patate farinose, a dadini;
  • 1 o 2 peperoncini verdi, senza semi e affettati;
  • 1 grosso cavolfiore, tagliate a cimette appena più grandi delle patate;
  • 2 cipolle affettate;
  • 4 spicchi d'aglio, tritati;
  • 1 pezzo di zenzero di 6 cm, sbucciato e grattugiato;
  • 1 cucchiaino di semi di senape;
  • 1 cucchiaino di semi di cumino;
  • 3 pomodori, tritati finemente;
  • 6 foglie di curry;
  • 1 cucchiaino di coriandolo macinato;
  • 1 cucchiaino di cumino macinato;
  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere;
  • mezzo cucchiaino di pepe di Caienna;
  • olio d'oliva 4 cucchiai;
  • sale marino e pepe nero q.b.
  • Yogurt greco, per accompagnare;
Per i Parathas

  • 300 g di farina integrale chapati, piu extra;
  • 2 cucchiai di burro fuso.
Per il pane paratha, unire la farina chapati in una grande ciotola con un pizzico di sale e circa 200 ml di acqua fredda, poi impastare per 10-12 minuti. Formare una palla, coprirla con un canovaccio umido e lasciare riposare. Scaldate la maggior parte del olio in una padella a fuoco medio e soffriggere la cipolla, l'aglio e lo zenzero, mescolando, per 6-8 minuti. Con un mestolo forato, rimuovere il composto di cipolla, sistemare in una ciotola e mettere da parte. Tostate i semi di senape e semi di cumino in una padella asciutta a fuoco medio per 30 secondi, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno e trasferire in una grande casseruola con il resto dell'olio vegetale, pomodoro, foglie di curry e spezie rimanenti. Fate cuocere per altri 5 minuti a fuoco medio. Aggiungere la miscela di cipolla tenuta da parte, le patate e i peperoncini e condire generosamente con sale e pepe. Versare 600 ml di acqua, o quella sufficiente a coprire appena il composto. Portate lentamente a ebollizione a fuoco basso, coprire con un coperchio e continuate a cuocere per 8/10 minuti. Aggiungere il cavolfiore e cuocere per altri 8/10 minuti, o fino a quando la salsa è addensata e le patate e cavolfiore sono teneri. Nel frattempo, cuocere le parathas. Scaldare bene una padella o una piastra piatta. Dividete l'impasto in 6/8 palline . Infarinate leggermente una superficie piana e spianare la prima pallina in un cerchio di circa 12 cm. Spennellate con il burro fuso e sistemare sulla piastra calda o padella. Cuocere per pochi minuti per lato, o fino a quando il pane comincia a colorirsi. Ripetere con la pasta rimanente. Servite subito con il curry e una ciotola di yogurt sul lato. 
Andy Harris

martedì 8 dicembre 2015

Pollo alla francese

Questo pollo alla griglia all'aglio ed erbe è buono da morire, i vostri ospiti non saranno in grado di fermarsi davanti ad una porzione calda. Parola di Jamie.
 vai al sito
  • 1,8 kg di pollo ruspante;
  • 1 limone bio;
Per la marinata:
  • 1 cipolla, tritata finemente;
  • 6 spicchi di aglio schiacciati;
  • 1 mazzetto di rosmarino fresco, finemente tritato;
  • 4 foglie di alloro fresche;
  • 4 cucchiai di aceto di vino bianco;
Per le patate alla fiorentina:
  • 1,2 kg di patate rosse;
  • 6 cucchiai di olio d'oliva;
  • 4 spicchi d'aglio, schiacciati;
  • qualche rametto di origano;
Per il condimento francese:
  • mezzo cucchiaino di senape di Digione;
  • 6 cucchiai di olio extra vergine di oliva;
  • 2 cucchiai di aceto di vino bianco;
Per l'insalata:
  • 4 grandi manciate di valeriana
  • 2 insalate ricce, solo le foglie bianche interne e scartando le verdi esterne;
  • mezzo mazzetto di erba cipollina;
Mescolare tutti gli ingredienti della marinata insieme in una grande ciotola e mettere da parte. Praticare delle incisioni su ogni coscia del pollo circa 3 o 4, questo permetterà al calore di penetrare direttamente nella carne e aiutare a cuocere velocemente. Mettere il pollo nella marinata, strofinando dappertutto gli aromi. Coprire e lasciare in frigo per almeno 12 ore. Preriscaldare il forno a 190° Togliere il pollo dalla marinata e asciugarlo con carta da cucina, poi metterlo in una teglia. Tagliare un limone a metà e sistemare all'interno della cavità del pollo con le foglie di alloro dalla salamoia. Coprire con un doppio foglio di carta stagnola e  infornare per 1 ora, fino a cottura. Nel frattempo, tagliare le patate a cubetti di 2 cm e versare in una ciotola con una buona spruzzata di olio d'oliva, l'aglio schiacciato e l'origano. Condire con sale e pepe nero e sistemare accanto al pollo per circa 40 minuti, o fino a quando saranno croccanti e dorate. Togliere il pollo dal forno e finire sul barbecue, girando di tanto in tanto fino a quando tutta la pelle è ben dorata e croccante. Preparare il condimento alla francese, mescolando la senape, l'olio extra vergine di oliva, l'aceto, più un pizzico di sale e pepe nero, in un barattolo di vetro, mescolando bene. Versare le verdure da insalata di un piatto da portata, irrorate con il condimento e mescolare bene. Servire il pollo con le patate croccanti e l'insalata. 

venerdì 4 dicembre 2015

Rigatoni con sugo di pomodori al forno

Il pomodoro usato per questo piatto è cotto due volte: una volta nel forno e una volta sul piano di cottura, per ottenere la migliore salsa che si aggrappa al rigatoni.


     vai al sito
  • 1,5 kg di pomodori da sugo a grappolo;
  • 4 spicchi d'aglio, non pelati;
  • 3 foglie di alloro;
  • 5 rametti di timo;
  • una spruzzata di aceto di vino rosso;
  • 400 gr di pasta formato rigatoni;
  • 80 gr di ricotta salata;
  • 1 mazzetto di basilico, (facoltativo);
  • olio d'oliva evo;
  • sale marino e pepe nero appena macinato;


Preriscaldare il forno a 200°. Mettere i pomodori in una grande teglia e spargere sopra gli spicchi d'aglio schiacciati, i rametti di timo e le foglie di alloro poi trasferire in forno caldo per 25 minuti, fino a quando le bucce di pomodoro saranno brunite e spaccate. Lasciare raffreddare per un minuto o due, poi togliere i tralci e sistemare i pomodori in una padella con l'aceto di vino rosso e un pizzico di sale e pepe. Schiacciare con un cucchiaio e cuocere a fuoco lento per 15 minuti, fino ad ottenere una salsa rosso scuro e con una consistenza quasi cremosa. Portare una pentola di acqua salata ad ebollizione e cuocere i rigatoni in base alle istruzioni del pacchetto. Scolare, riservando una tazza di acqua di cottura e versare nella padella con la salsa e un po' di acqua per allentare. Condire con un filo di olio d'oliva e servire con la ricotta grattugiata e una manciata di foglie di basilico, se volete.
La ricetta è stata preparata da Anna Jones per tutti gli amici di Jamie.

martedì 1 dicembre 2015

Sgombri alla greca

Questa ricetta tradizionale greca è super semplice. Piatto veramente delizioso se servito freddo per un pranzo o una cena estiva. Per 4/6 persone

     vai al sito
  • 8 piccoli sgombri interi già puliti e sventrati;
  • 2 carote, sbucciate e tagliate a fette sottili;
  • 2 cipolle sbucciate e affettate;
  • 4 pomodori maturi, tritate grossolanamente;
  • 3 foglie di alloro fresche;
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva;
  • 2 cucchiai di prezzemolo finemente tritato;
  • 150 ml di vino bianco secco;
  • 1 limone bio;
  • sale marino e pepe nero;


Preriscaldare il forno a 180°.  Mettere i pesci, carota, cipolla, pomodoro, aglio e foglie di alloro in una pirofila. Condire generosamente con sale marino e pepe nero macinato, quindi irrorate con l'olio. Spolverare con il prezzemolo e aggiungere il vino, succo di limone e un po 'd'acqua. Cuocere in forno per 30 minuti o fino a quando pesce e verdure sono cotte e la salsa si è addensata. Servire tiepida o fredda con spicchi di limone.
Ricetta di Andy Harris